( brevi considerazioni …..sui “fatti” legati all’euro del Prof. Salvatore D’Alesio ).

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La notizia.

La BCE impieghera’ 60 miliardi di euro al mese per l’acquisto dei titoli di Stato dei 19 Paesi dell’Eurozona.
Obbiettivo : tassi di interesse su mutui e prestiti, far risalire l’inflazione e rilanciare la crescita economica dell’eurozona.
La fregatura :  solo per il 20% degli acquisti  sara’ soggetto a condivisione del rischio, da parte della BCE, mentre l’80% sara’ caricato sulle Banche centrali dei singoli Stati. Così ha voluto la Germania e così ha deciso Draghi. Ebbene, l’ossessione del “rischio”, lascera’ tutto come prima, anzi peggio.
La schiavitu’ :In questo scenario, vediamo lo Stato che, per finanziarsi, deve chiedere i soldi alla BCE, come fosse un impiegato che chiede il prestito alla finanziaria per comprare l’auto. Si comprende che uno Stato “in ginocchio” di fronte alla BCE  che supplica denari, non è piu’ uno Stato, bensì uno “schiavo”.
La BCE, stavolta, si è commossa di fronte alle lacrime dello Stato e gli ha dato i soldi, facendolo – sadicamente – indebitare ancora di piu’,  per via degli interessi.
Lo Stato, Indebitato ulteriormente, per nuovi e pesanti interessi,  per farvi fronte addirittura deve AUMENTARE le tasse, favorendo la chiusura delle aziende, una nuova disoccupazione e facendo salire il costo degli ammortizzatori sociali. Quindi, “brindisi” alla poverta’ del suo Popolo.
La conclusione : Complimenti, Germania, hai vinto tu e complimenti “ironici” a Renzi, Mattarella e alla classe politica attualmente al Governo che guida la “Ferrari”, come potrei guidarla io!